Genova - Progetto laboratori educativi territoriali ( L.E.T. ) Partecipazione OMRCC

da Super User
in News
Visite: 48

 

 

                     

AVVISO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE, DA PARTE DI ORGANIZZAZIONI PRIVATE SENZA FINALITÀ DI LUCRO, A PARTECIPARE ALLA COPROGETTAZIONE DEL SISTEMA DEI LABORATORI EDUCATIVI TERRITORIALI (L.E.T.) ATTRAVERSO UN PATTO DI SUSSIDIARIETÀ

  Responsabile del procedimento: Dott. Guido Gandino, Direttore della    Direzione Politiche dell'Istruzione per le Nuove Generazioni.

  Premessa


  Il Comune di Genova, ai sensi della Delibera della Giunta Comunale del 09/08/2018-2018-183 "Linee guida per la definizione del processo relativo alla riprogettazione dei Laboratori Educativi Territoriali (L.E.T.)", e su proposta di alcuni Enti no profit operanti nel settore e in accordo con l'Organismo Unitario di   Rappresentanza del Terzo Settore, avvia un procedimento ad evidenza pubblica al fine di sostenere la realizzazione di un sistema articolato di attività volte a   favorire "... il sostegno e lo sviluppo di servizi volti a promuovere e a valorizzare la partecipazione dei minori a livello propositivo, decisionale e gestionale in esperienze aggregative, nonché occasioni di riflessione su temi rilevanti per la convivenza civile e lo sviluppo delle capacità di socializzazione e di inserimento   nella scuola, nella vita aggregativa e familiare (omissis ...)interventi che facilitano l'uso del tempo e degli spazi urbani e naturali, rimuovono ostacoli nella   mobilità, ampliano la fruizione di beni e servizi ambientali, culturali, sociali e sportivi" (artt. 6 e 7 della Legge 285/1997 "Disposizioni per la promozione di diritti e   di opportunità per l'infanzia e l'adolescenza").

Il Sistema articolato delle attività oggetto della presente manifestazione di interesse si intende strettamente correlato con il Sistema dei Laboratori Educativi Territoriali, di cui rappresenta una riprogettazione e attualizzazione secondo i bisogni e le necessità individuate dalle LINEE GUIDA (ALLEGATO 1), allegate alla presente manifestazione di interesse,

All'interno di detto percorso e della sua attuazione, l'Organismo Unitario di Rappresentanza del Terzo Settore svolgerà compiti di garanzia, di promozione, di controllo-verifica in collaborazione con l'Amministrazione Pubblica, partecipando anche al Patto definitivo.

La Civica Amministrazione intende procedere alla verifica dell'interesse da parte dei soggetti del Terzo Settore alla coprogettazione esecutiva ed all'autonoma realizzazione del progetto.

Al termine del percorso di coprogettazione, qualora si raggiunga come esito l'elaborazione di un nuovo progetto esecutivo condiviso e ritenuto adeguato, la Civica Amministrazione valuterà la proposta, formulata dalla rete dei soggetti che hanno partecipato alla coprogettazione, di realizzare il progetto in nome e per conto proprio, assumendo il relativo impegno quale esercizio della funzione sociale pattuito con l'Amministrazione.

In caso di valutazione finale positiva del progetto e sulla base del relativo piano finanziario e delle risorse pubbliche disponibili, il Comune di Genova procederà a stipulare, ai sensi dell'art. 11 della legge 241/1990, un "Patto di Sussidiarietà" quale accordo sostitutivo del provvedimento di concessione di benefici economici per il sostegno della realizzazione del progetto stesso. Il contributo non potrà superare il 70% del costo totale del progetto.

La concessione di tale contributo è da intendersi a titolo di contributo a compensazione volta a garantire l'adeguatezza e la sostenibilità della risposta ai bisogni sociali di riferimento e quindi alla sola copertura dello squilibrio tra i costi effettivamente sostenuti e le entrate conseguite; pertanto al termine del tempo concordato, eventuali somme sovrabbondanti rispetto alle necessità di compensazione effettivamente verificatesi dovranno essere restituite all'Amministrazione.

Soggetti Partecipanti - Requisiti

Potranno presentare manifestazione di interesse a partecipare al procedimento i soggetti del Terzo Settore, come definiti dalla L.R. 42/2012 art. 4, c.1:
a) le organizzazioni di volontariato
b) le associazioni di promozione sociale
c) le cooperative sociali
d) le imprese sociali diverse dalle cooperative sociali
e) le società di mutuo soccorso.

Possono inoltre partecipare i seguenti soggetti:
a) le fondazioni
b) le associazioni
c) gli istituti di patronato
d) gli enti e gli organismi facenti capo alle confessioni religiose con le quali lo stato ha stipulato patti, accordi o intese.

I soggetti così definiti devono essere in possesso dei requisiti di carattere generale di cui all'ALLEGATO 2 "Dichiarazioni sostitutive ex artt. 46 e 47 del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445".

Presentazione della manifestazione di interesse

La Manifestazione di interesse per la partecipazione alla coprogettazione oggetto del presente Avviso, pena l'esclusione, deve essere redatta secondo il Modulo di richiesta di partecipazione alla co-progettazione (ALLEGATO 3) da riprodurre in carta semplice e debitamente sottoscritta dal rappresentante legale dell'Ente.

La Manifestazione di interesse dovrà pervenire al Comune di Genova, entro il termine tassativo, pena l'esclusione, delle ore 12.00 del giorno 19/10/2018, secondo una delle seguenti modalità:

- consegna diretta all'Archivio Generale, sito in Piazza Dante 10 – I piano, nel seguente orario:    dal Lunedì al Venerdì dalle 8,30 alle 12,30, il Mercoledì dalle 8,30 alle 15,30 (orario  continuato). Sulla busta dovrà essere indicata la dicitura: "MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LABORATORI EDUCATIVI TERRITORIALI (LET) - PATTO DI SUSSIDIARIETÀ";


- inoltro tramite raccomandata con avviso di ricevimento all'indirizzo: Comune di Genova - Archivio Generale, Piazza Dante 10 – 16121 Genova; in tal caso faranno fede la data e l'ora del timbro postale apposto dall'Ufficio postale accettante. Sulla busta dovrà essere, inoltre, indicata la suddetta dicitura: "MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LABORATORI EDUCATIVI TERRITORIALI (LET) - PATTO DI SUSSIDIARIETÀ";


- invio tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) al seguente indirizzo: direzionescuolaegiovanicomge@postecert.it . Nell'oggetto della PEC dovrà essere indicata la dicitura "MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LABORATORI EDUCATIVI TERRITORIALI (LET) - PATTO DI SUSSIDIARIETÀ";

L'Amministrazione non è responsabile in caso di dispersione di comunicazioni dipendenti da inesatta indicazione del recapito da parte del richiedente, né per eventuali disguidi postali o comunque non imputabili all'Amministrazione stessa.

La modulistica ed eventuali aggiornamenti/informazioni saranno reperibili sul sito istituzionale del Comune di Genova, INFO COMUNE/Bandi di gara.

Verifica dei requisiti e avvio della co-progettazione

A seguito dell'accertamento dell'effettivo possesso dei requisiti richiesti, l'Amministrazione procederà all'ammissione dei soggetti che hanno presentato regolare manifestazione di interesse a partecipare, pubblicando il relativo atto sul sito istituzionale del Comune di Genova e dandone debita comunicazione direttamente ai soggetti interessati.

Nella comunicazione di cui sopra o in altra successiva, i Soggetti ammessi verranno convocati al fine di avviare il percorso di coprogettazione che potrà condurre alla stipula di un "Patto di Sussidiarietà".

Nell'ambito del primo incontro di coprogettazione tra i soggetti ammessi, con la partecipazione dei referenti della Civica Amministrazione sarà riscontrata la necessaria disponibilità dei soggetti ammessi a costituirsi in Associazione Temporanea di Scopo (ATS). Il Comune di Genova presenterà il percorso di coprogettazione per la stipula di un "Patto di Sussidiarietà".

I soggetti ammessi dovranno, quindi, riunirsi in un'Associazione Temporanea di Scopo (ATS), finalizzata alla coprogettazione, da costituirsi in forma scritta e dove dovrà essere individuato il Capofila. I Partecipanti che non intendano aderire alla predetta ATS saranno esclusi dal procedimento.

Proposta progettuale e piano finanziario

Preso atto da parte dell'Amministrazione del suddetto accordo di ATS, i partecipanti procederanno all'elaborazione del progetto esecutivo, che dovrà comprendere le azioni operative ed il piano economico-finanziario di dettaglio, comprensivo di cofinanziamento da parte dell'ATS e del contributo necessario, a titolo di compensazione, la cui erogazione è chiesta all'Amministrazione Pubblica. La percentuale di cofinanziamento da parte dell'ATS non potrà essere inferiore al 30% del costo totale del progetto.

Il contributo compensativo di sostegno richiesto all'Amministrazione Pubblica deve essere finalizzato a permettere l'equilibrio economico finanziario e l'adeguatezza della gestione sotto il profilo del raggiungimento degli obiettivi e della soddisfazione dei bisogni degli utenti. Tale eventuale sostegno compensativo sarà quantificato, disciplinato e concesso in conformità alla decisione della Commissione Europea del 20 dicembre 2011 in tema di aiuti di stato (C (2011) 9380) e a quanto previsto dalla L.R. 42/2012.

Valutazione della proposta progettuale

Il Comune di Genova previa valutazione positiva del progetto, esito dell'attività di coprogettazione, procederà all'approvazione dello stesso definendo le risorse pubbliche a disposizione.

Qualora il percorso di coprogettazione dovesse produrre un progetto non valutato positivamente, la Civica Amministrazione si riserva ogni più ampia facoltà di valutare l'adeguatezza di quanto acquisito per l'indizione di una procedura competitiva ad evidenza pubblica per la realizzazione del progetto con le modalità che saranno ritenute opportune, senza che nulla sia per ciò dovuto ai partecipanti.

Informazioni

Qualsiasi informazione in ordine alla presente procedura potrà essere richiesta all'U.O. Sistema Scolastico Cittadino della Direzione Politiche dell'Istruzione per le Nuove Generazioni tramite e- mail all'indirizzo confcittadinaisa@comune.genova.it

Informativa per il trattamento dei dati personali

Si informa che i dati raccolti nel corso del presente procedimento saranno trattati ai soli fini previsti dalla normativa di settore, dalla normativa in materia di semplificazione amministrativa ovvero in caso di richiesta di accesso agli atti di ricorso all'autorità giudiziaria.

 

IL DIRETTORE
Dott. Guido Gandino

 

 



 

IL PROGETTO CUI E' MENZIONE, SU PROPOSTA DEL CONFRATELLO UMBERTO BRIGNARDELLO, DELEGATO PROVINCIALE OMRCC GENOVA E CUSTODE DELLE INSEGNE DI QUESTO GRAN PRIORATO.  

 

 

  clicca qui per vedere

  clicca qui per vedere

   clicca qui per vedere